Milan, Nasti in prima squadra: chi è l’attaccante classe 2003

Il Milan alla scoperta del giovanissimo attaccante, che sta facendo molto bene nella Primavera di mister Giunti.

Il Milan, non è un mistero, vive un periodo molto complicato soprattutto in attacco. Tutta colpa dei numerosi infortuni subiti dal reparto offensivo a disposizione.

Nasti
Marco Nasti (©LaPresse)

In queste settimane mister Pioli può contare soltanto sulla presenza di Zlatan Ibrahimovic. Ovvero il centravanti più forte ma allo stesso tempo anche più anziano della rosa.

Rebic e Pellegri resteranno ai box fino all’inizio dell’anno solare 2022. Giroud è vicino al rientro dopo lo stop muscolare, ma non ancora al meglio della condizione. Dubbi anche sulle condizioni di Rafael Leao.

Per questo motivo il Milan sta seriamente pensando di promuovere in prima squadra uno dei giovani più promettenti della sua Primavera, un attaccante che nelle ultime settimane ha dato il meglio di sé.


Leggi anche:


Nasti chiamato da Pioli: verrà convocato per il Napoli

Il ragazzo in questione è Marco Nasti, un nome che solo i più attenti tifosi ed appassionati del Milan conoscono. Si tratta di un giovanissimo centravanti che, come detto, sta facendo molto bene nel campionato Primavera.

Nasti è un classe 2003 che ha la pelle rossonera: infatti gioca da una vita nel settore giovanile milanista. Nativo di Pavia, è un classico numero 9 con caratteristiche ben specifiche, ma soprattutto un gran senso del gol.

I suoi numeri stagionali sono ottimi. In 9 gare ufficiali, Nasti ha già segnato 5 reti tra campionato e coppa Primavera, ma anche la Youth League, ovvero la Champions delle formazioni giovanili europee.

Per lui in arrivo una doppia soddisfazione. Pioli lo aggregherà alla prima squadra e dovrebbe anche convocarlo per Milan-Napoli, così da dare un possibile ricambio al proprio reparto d’attacco.

Inoltre Nasti si avvicina anche al rinnovo contrattuale. Il talento pavese, come sottolineato a Nicolò Schira, dovrebbe presto firmare un prolungamento con il Milan fino al giugno 2025 (l’attuale contratto scade nel 2023). Un bel riconoscimento per uno dei migliori talenti del vivaio milanista, che scalda i motori anche per un possibile debutto in Serie A.