Milan vigile sull’attaccante, l’agente: “Da gennaio cambia tutto”

Non solo Kessie in scadenza di contratto. Parla l’agente dell’attaccante che potrebbe tornare in orbita Milan, qualora la trattativa per il rinnovo saltasse definitivamente

Sono tanti i calciatori con un contratto in scadenza il prossimo 30 giugno. Il Milan, come è noto, è alle prese con i rinnovi di Alessio Romagnoli e Franck Kessie. Se con il primo è tornata ad esserci qualche possibilità in più, dopo gli ultimi confronti con il suo procuratore, lo stesso non si può dire per l’ivoriano. La trattativa per il centrocampista rimane bloccata come tante altre in giro per l’Europa.

Stefano Pioli
Stefano Pioli (©LaPresse)

Lo è anche quella che dovrebbe portare alla firma di Lorenzo Insigne con il Napoli. La storia d’amore tra le parti rischia seriamente di naufragare.

L’agente dell’attaccante, Vincenzo Pisacane, intervistato al Corriere dello Sport, ha fatto il punto della situazione: “De Laurentiis dice quello che ritiene più opportuno, ma bisognerebbe chiedere qual è stata l’offerta e per quale motivo il giocatore ha rifiutato. Preferisco evitare cifre e dettagli, ma non riteniamo congrua la proposta. Contatti azzerati? No, ci sentiamo abbastanza spesso. E d’accordo, l’ultima telefonata non è stata delle migliori, però è giusto che ognuno abbia la propria idea e faccia la propria parte”.


Leggi anche:


Futuro da scrivere

Via a parametro zero – “Il regolamento dice così, ma non è mica l’unico. Certo, il suo caso fa rumore perché è un top player, un campione d’Europa, e forse nessuno si aspettava questo epilogo. Anzi, forse Lorenzo sì. E’ finita? La storia tra il Napoli e Insigne non finirà mai anche se andrà a giocare altrove. Anzi, è da raccontare: c’è troppa vita, troppo amore. Ma nel rispetto del giocatore e di tutti non si può aspettare in eterno, non si può aspettare giugno. E se poi malauguratamente dovesse prendere un raffreddore? Perché rischiare?”.

Nuova avventura – “Quando si apre il mercato di gennaio bisogna trovare una soluzione. Possono essere giorni decisivi. Fino a gennaio non avrò contatti con nessuno. Su questo sono molto fermo: dal 2, poi, tutto cambierà. Un’esperienza fuori farebbe meno male. Ci può stare, tipo Del Piero, ma è una mia idea… Parla inglese? Un pochino si”.

Insigne è stato accostato anche al Milan nei mesi scorsi. Non è da escludere,  in caso la trattativa per il rinnovo con il Napoli saltasse definitivamente, che i rossoneri provino davvero a capire la fattibilità dell’operazione.