MILANLIVE IN… LIVE – Mirella, oltre 50 anni di Milan: “Tutto inizia da Rivera”

La bella intervista della nostra redazione a Mirella Conflitto, tifosa fedelissima del Milan che ha seguito la squadra in Italia e in Europa!

Mirella Conflitto è la grande prova di quanto il calcio, il tifo nel calcio, non siano cose soltanto da “uomini”. 58 anni di amore spassionato per i colori rossoneri, che l’hanno condotta a seguire la squadra anche oltre i confini nazionali. Madrid, Oporto, Cardiff…

Diretta Instagram Intervista Mirella
Diretta Instagram Intervista Mirella

Ma l’emozione più grande la prova quando approda a San Siro. Più di 600 km per raggiungere il Meazza, partendo da Sora. Mirella ha fatto del Milan uno stile di vita! All’età di 12 anni è rimasta stregata da Gianni Rivera, e da quel momento in poi il sangue rossonero è cominciato a scorrere nelle sue vene.

La mia fede per il Milan nasce grazie a mio padre. Ero molto legata a lui, e da piccola lo guardavo intento a seguire la Domenica Sportiva alla tv. Mi ha colpito ed emozionato Rivera, probabilmente per lui ho scelto il Milan” ha rivelato Mirella all’interno del nostro spazio di diretta Instagram.


Leggi anche:


Mirella, dopo il pensionamento, ha deciso di unire due grandi passioni: i viaggi e il suo Milan. Avendo più tempo a disposizione si è quindi spinta anche oltre i confini Nazionali, recandosi in alcuni grandi stadi europei a caccia delle forti emozioni che la squadra rossonera sa regalare.

Per ultimo, il match al Wanda Metropolitano tra Atletico Madrid e Milan: “È stato molto emozionante, anche se ho comprato il biglietto per il settore degli spagnoli. Un signore mi ha detto ‘Sei venuta a vedere il Milan perdere’. Al gol di Messias sono stata l’unica ad esultare, e urlavo per farmi sentire. Alla fine della gara ho quindi detto al signore ‘Sono venuto a vedere come vince il Milan’”.

Molto simpatica e innamorata follemente del Milan, Mirella! È stato un piacere ed un onore poter chiacchierare con lei e godere dei suoi racconti rossoneri. Di seguito l’intervista completa sul nostro canale YouTube: