Pobega, il Torino ci prova: offerta per l’acquisto, i dettagli

La squadra di Ivan Juric sta disputando un buon campionato soprattutto grazie al giocatore in prestito dal Milan, di cui i granata sono innamorati

Il Torino va, e nell’ultima giornata ha battuto anche una squadra in forma come l’Hellas Verona con il risultato di 1-0. A segnare? Un calciatore di proprietà del Milan.

Tommaso Pobega
Tommaso Pobega (©LaPresse)

E non è il primo gol per Tommaso Pobega, che addirittura è diventato il miglior marcatore dei granata in questa stagione. Il Milan continua ad attenzionarlo: si tratta di un calciatore che farebbe al caso di Stefano Pioli già adesso, a maggior ragione per la probabile assenza di Kessie e Bennacer durante la Coppa d’Africa che, al momento, dovrebbe disputarsi.


Leggi anche:


Il Toro lo vuole a tutti i costi, il Milan non deve sbagliare

Pobega sta disputando una stagione eccellente con la maglia del Torino, facendo addirittura meglio dell’anno scorso quando militava nello Spezia. 4 reti finora nell’attuale campionato con la maglia granata, ma è importante specificare che il ragazzo è ancora di proprietà del Milan ed il Toro se lo è assicurato in questa stagione solamente in prestito secco.

Questo significa che al termine di questa stagione Tommy tornerà a Milanello. Anche se i tifosi rossoneri, più volte, hanno espresso sui social il desiderio di anticipare il rientro già a gennaio. Pioli approva, ma l’accordo col Torino si chiude a giugno. Sulla sponda piemontese però la società di Urbano Cairo è rimasta letteralmente stregata dal centrocampista, tanto che sta pensando di formulare un’offerta al Milan per acquistare il cartellino del giocatore.

Questo è anche il desiderio del tifo granata, che hanno trasformato Pobega in un vero e proprio beniamino. Tommaso sta bene a Torino ma il Milan non può assolutamente lasciarsi scappare un calciatore delle sue qualità e soprattutto giovane. Impensabile per questo anche solo valutare offerte “scadenti” e, valutando quello che è il mercato attuale, diventa opportuno iniziare a ragionare solo con una cifra intorno ai 40 milioni di euro.