Serie A, gli interventi dell’Asl bloccano alcuni match: la situazione

La situazione Covid sta mettendo a forte rischio la 20sima giornata di Serie A. Le Asl hanno bloccato alcune squadre: situazione incerta.

Si complica molto la possibilità di disputare regolarmente la ventesima giornata di campionato, in programma tutta nella giornata di domani 6 gennaio, per l’inizio del girone di ritorno.

Serie A
Serie A (©LaPresse)

Le Asl hanno vietato la trasferta a Torino e Udinese, rispettivamente impegnate contro l’Atalanta e la Fiorentina. Domani sera i granata non partiranno quindi per Bergamo dal momento che la Asl Città di Torino ha disposto la quarantena di cinque giorni per tutto il gruppo squadra. Attualmente infatti ci sono 8 positivi, di cui 6 calciatori. Il club ha preso atto della decisione sanitaria e ha annullato il volo, così come accaduto all’Udinese, in una situazione molto simile.

Non si disputeranno quindi Atalanta-Torino e Udinese-Fiorentina, esattamente come Salernitana-Venezia, per cui la decisione era già stata presa. La Repubblica ha poi riportato che anche Bologna-Inter, in programma alle 13:30, è a forte rischio rinvio. Il direttore della AUSL Bologna ha dichiarato: “Difficile che domani si giochi, si va verso uno stop dell’attività agonistica”.


Leggi anche:


Il caso Juventus Napoli

Una situazione diversa invece per quanto riguarda Juventus-Napoli. La Asl ha bloccato infatti tre calciatori della squadra partenopea: si tratta di Zielinski, Lobotka e Rrahmani. I tre sono stati identificati come persone che hanno avuto contatti stretti con positivi e che, pur vaccinati, non si sono sottoposti alla terza dose. Dovranno quindi fare un periodo di quarantena e a loro si aggiungono i positivi Meret, Malcuit e Mario Rui. Considerando poi anche i membri dello staff, la quarantena disposta dalla Asl di Napoli riguarda 7 persone del club azzurro.