Milan, Pioli ha ragione: quella sarà la partita decisiva

La Serie A tornerà in campo, dopo la pausa di fine gennaio, nel weekend del 5-6 febbraio. Il Milan è a una svolta e le parole di Pioli, nel post match contro la Juventus, confermano tutto

Benedetta pausa o maledetta pausa, è sempre questo il dilemma che accompagna addetti ai lavori e appassionati ogni volta che la Serie A osserva una settimana di stop per gli impegni delle nazionali o altre necessità.

Milan
Rafa Leao (Getty Images)

Quella di fine gennaio, introdotta in questa stagione, fa propendere la bilancia più verso la prima opzione in casa Milan. La sconfitta con lo Spezia e il pari con la Juve hanno infatti lasciato (specie la prima) scorie pesanti soprattutto nella mente dei calciatori rossoneri che ora dovranno sfruttare al meglio la settimana priva di impegni per ritemprarsi al meglio in vista di un febbraio che può essere decisivo.

Stefano Pioli non si è affatto nascosto nel post partita contro la Juve. Alla ripresa il Milan ha una partita decisiva da affrontare, il derby con l’Inter di sabato 5 febbraio alle 18. Sarà al termine della stracittadina che i rossoneri sapranno, di fatto, per cosa lottare nelle restanti 14 giornate di campionato: “Se riusciremo a vincere il Derby – ha commentato l’allenatore milanista – potremo provarci fino alla fine, altrimenti vivremo un campionato simile a quello dell’anno scorso quando abbiamo rischiato di uscire dalla Champions all’ultima.”

In effetti, analizzando classifica e calendario del Milan e delle rivali di alta classifica, sarà proprio così. Eccovi i possibili scenari.


Leggi anche


Milan, il risultato del Derby e i possibili scenari

Cominciamo dallo scenario peggiore, la sconfitta con l’Inter. In questo caso, i nerazzurri andrebbero a +7 (e a un potenziale +10 con il match da recuperare con il Bologna) e, di fatto, azzererebbero le chance Scudetto di Ibra e compagni che rischiano anche il sorpasso del Napoli e l’avvicinamento di Atalanta (con una partita in meno) e  Juventus (al momento a -7).

Un pareggio al Derby (anche con l’Inter a un possibile +8) lascerebbe ancora qualche flebile speranze Scudetto, rendendo ulteriormente incerta la lotta Champions specie con i concomitanti tre punti per le rivali.

Milan Coppa Italia
Milan (Getty Images)

La vittoria contro i nerazzurri cambierebbe tutto e qui entra in ballo il calendario. Con i tre punti nella stracittadina, l’Inter sarebbe a un potenziale +4 e le distanze con le inseguitrici resterebbero le stesse (o aumenterebbero) con il Napoli a pari punti e partite, l’Atalanta a -6 (con un match in meno) e la Juve, quinta a -7.

Lo scenario seguente potrebbe essere molto invitante. A febbraio, infatti, riprendono le coppe europee con tutte le rivali impegnate tra Champions ed Europa League. Gli impegni internazionali poi si intrecceranno, a febbraio, con alcuni match di campionato importanti per l’alta classifica come Napoli-Inter, Atalanta-Juventus, Fiorentina-Atalanta, Lazio-Napoli e Juventus-Torino. Il Milan, dal canto suo, dopo il Derby avrà Sampdoria, Salernitana e Udinese, un calendario di febbraio tutto sommato favorevole anche se il recente ko con lo Spezia è un monito da tenere sempre presente.

Insomma, mai come stavolta per il Milan deve valere il detto: “Il Derby non si gioca … si vince”