Inter-Milan, le probabili formazioni: Kessie trequartista

Ecco le novità nello schieramento del Milan che sta preparando il tanto atteso derby di domani sera allo stadio Giuseppe Meazza.

Ovviamente per preparare una sfida così delicata e decisiva ci vuole tanta pre-tattica. Ma anche lo studio accurato di ogni situazione di gioco, l’analisi delle qualità avversarie e del modo di giocare dei rivali. Lo sa bene Stefano Pioli, che da giorni è intento nei meandri di Milanello per mettere in campo il Milan ideale.

Tonali e Pioli
Sandro Tonali e Stefano Pioli (©LaPresse)

Secondo quanto scrive il Corriere dello Sport, Pioli sta lavorando da giorni ad alcuni cambiamenti, sia tattici che soprattutto strategici. Il suo Milan ha sempre avuto il pregio di essere squadra pericolosa e unita, di lavorare bene in entrambe le fasi a parte qualche scivolone difensivo recente. Ma con l’Inter si cambierà mentalità in partenza.

Il tecnico rossonero vuole una squadra aggressiva al massimo, che metta in difficoltà l’Inter ingaggiando duelli su tutto il campo. Pioli prenderà spunto dal cosiddetto ‘metodo Gasperini’, imitando il modo di giocare dell’Atalanta. Ovvero nessuna paura di puntare sull’uno contro uno, a patto che non si lascino praterie nelle varie zone del campo.


Leggi anche:


La formazione del Milan e tutti i duelli in campo

Con tali criteri, il Milan sta preparando la formazione iniziale per il derby. Ovviamente tenendo conto delle indisponibilità: Ibrahimovic e Rebic sono vicini al forfait, mentre Tomori partirà al massimo dalla panchina perché non ancora al top della condizione fisica.

Il 4-2-3-1 dei rossoneri diventerà una sorta di 2-4-1-3 in fase di pressione, senza paura di lasciare spazi all’Inter, né di duellare in mezzo al campo. In porta giocherà il solito Maignan, in difesa coppia centrale Kalulu-Romagnoli, i quali dovranno provare a limitare le giocare del tandem offensivo interista Dzeko-Lautaro.

Sulle fasce agiranno Calabria e Theo Hernandez, determinanti con i loro movimenti in entrambe le fasi. Pioli chiederà loro di spingere e di costringere gli esterni nerazzurri Dumfries e Perisic ad un lavoro più di contenimento rispetto alle previsioni.

In mediana sarà battaglia aperta. Il Milan arricchirà il centrocampo, con l’inserimento di Kessie nel ruolo di trequartista, in primis per bloccare sul nascere le giocate di Brozovic, vero metronomo dell’Inter. Alle sue spalle agiranno Tonali e Bennacer, che daranno filo da torcere alle mezzali Barella e Calhanoglu, quest’ultimo troppo solo nel derby d’andata.

Infine l’attacco: Saelemaekers e Leao giocheranno molto larghi, con la possibilità di accentrarsi e mandare in crisi i due ‘braccetti’ della difesa di Inzaghi, ovvero Bastoni e Skriniar. Al centro invece spazio al veterano Giroud, uno che sa come far male in certe partite e creare grattacapi a De Vrij, l’ultimo baluardo avversario.

foto Corsport