Helveg: “Sorpreso da Giroud. Nessun dubbio su dove finirà lo Scudetto”

Le parole di Thomas Helveg, ex calciatore del Milan, in merito alla lotta Scudetto che vede i rossoneri in prima linea insieme all’Inter. Ecco le dichiarazioni del danese

Il Milan di Stefano Pioli, con due vittorie contro Inter e Sampdoria, si è ripreso la testa della classifica e non ha alcuna intenzione di fermarsi.

Olivier Giroud
Olivier Giroud (©LaPresse)

I rossoneri hanno voglia di lottare per lo Scudetto fino alla fine. Uno Scudetto che se dovesse arrivare avrebbe davvero del clamoroso. Uno Scudetto che per certi versi ricorderebbe quello della stagione 1998/1999, in cui il Milan non era certamente tra le squadre favorite.

Uno dei protagonisti era stato Thomas Helveg. L’esterno – intervistato da Tuttosport – ha parlato della lotta tra i rossoneri e i nerazzurri: “La strada è ancora lunga, il campionato è molto interessante. Credo che alla fine lo scudetto finirà a Milano. Non so se lo vincerà l’Inter o il Milan, ma di certo sarà una bella lotta, in cui potrebbe inserirsi anche il Napoli, anche se vedo i partenopei un po’ più staccati. Credo che si deciderà tutto nelle ultime giornate, se non addirittura all’ultima”.


Leggi anche:


Milan senza Coppe – “Certamente, puoi essere concentrato al 100% solo sul campionato, oltre che preparare le partite tranquillamente, senza avere ‘distrazioni europee’. Diciamo che sulla carta non hai ‘ulteriori disturbi’ o meglio, che questi possano riguardare solo i tuoi rivali. Da questo punto di vista l’avere meno impegni porta dei benefici”.

Crescita Milan – “Già l’anno scorso erano arrivati forti segnali positivi, quest’anno è quello della conferma, dell’avere una squadra che può competere per lo Scudetto. Forse una vittoria finale dei rossoneri sarebbe una sorpresa, io me lo auguro, sarebbe davvero molto bello, sono anni che il Diavolo non festeggia un trofeo”.

Attacco, la forza del Milan – “Nelle fila dei rossoneri militano alcuni campioni, giocatori che fanno la differenza. Mi aspettavo di vedere un Rafael Leao così, mentre uno che mi ha sorpreso è Olivier Giroud. Il francese prima faceva fatica ad arrivare in porta, mentre ultimamente ha dimostrato di essere uno che può decidere le gare. Con la mancanza di Zlatan Ibrahimovic, avere un Giroud così, non è mica male”.