Milan, decisione presa | Niente riscatto, se ne va subito!

Il centrocampista non gioca ormai da diverso tempo ed è probabile che la società non voglia far scattare il riscatto obbligatorio.

In questi mesi la dirigenza del Milan sta riflettendo su tante situazioni che riguardano la prossima stagione, sia per quanto riguarda le operazioni in entrata che quelle in uscita.

Bakayoko
Bakayoko (©LaPresse)

Maldini dovrà pensare a come rinforzare la squadra attraverso innesti mirati e di prospettiva, e dovrà occuparsi anche dei alcuni rinnovi. Ma non è finita qua. C’è anche un’altra questione di cui deve occuparsi il dt rossonero nell’arco dei prossimi mesi, ovvero quella dei riscatti dei giocatori che sono attualmente in prestito.

In rosa c’è infatti più di un elemento su cui la società dovrà fare una scelta, decidendo quindi se spendere la cifra del riscatto dopo l’acquisizione a titolo contemporaneo, oppure rimandare il giocatore al club proprietario del cartellino. Due giocatori che stanno tutto sommato convincendo sono Florenzi e Junior Messias.

Chi invece non è riuscito ad imporsi in questa prima parte di stagione è Tiemoué Bakayoko. Anche a causa di un infortunio, il centrocampista francese ha disputato solo 13 presenze in campionato, molte delle quali a gara in corso. Le volte che Pioli gli ha dato fiducia però, il 27enne non è riuscito a sfruttare al meglio l’occasione.


Leggi anche:


Bakayoko: le assenze possono essere legate al riscatto

Il giornalista Rudy Galetti ha spiegato che il motivo per cui l’ex Chelsea non sta più trovando spazio nella squadra di Pioli non sarebbe dovuto esclusivamente al rendimento delle sue prestazioni, ma anche e soprattutto per il fatto che il suo obbligo di acquisto dipende anche da un certo numero di partite che dovrebbe giocare in rossonero quest’anno.

Secondo Galetti nei piani del Milan, in questo momento, non c’è il riscatto del francese, che molto probabilmente al termine della stagione farà ritorno al club londinese, per poi decidere il suo futuro. E’ prevedibile che il club rossonero sceglierà quindi di puntare su altri centrocampisti, magari più giovani, per la prossima stagione. C’è però da vedere se effettivamente sarà così: almeno ad ora le indicazioni sono queste.