Milan, quattro sponsor sulla maglia: quanto incassa il club

Il club rossonero ricava un buon gruzzoletto di denaro dagli sponsor sulla maglia: la prospettiva, però, è di aumentare l’incasso.

Quella di oggi è stata una giornata storica per un aspetto. Infatti, il Milan ha annunciato il suo primo Official Back-of-Shirt Partner della sua storia. Se ne parlava da tempo e finalmente è arrivato il comunicato ufficiale.

Calabria Tomori Tonali
Davide Calabria con Fikayo Tomori e Sandro Tonali (foto AC Milan wefox)

È stata firmata una importante partnership con wefox, compagnia assicurativa digitale che entra nella famiglia degli sponsor rossoneri e andrà a posizionare il suo brand sotto il numero di maglia dei giocatori. Dalla partita di venerdì sera a San Siro contro l’Udinese ci sarà questa novità assoluta.

Stando alle indiscrezioni circolate, questo contratto consente al Diavolo di incassare una cifra compresa tra i 6 e gli 8 milioni di euro annui. Una buona cifra, utile per aumentare il fatturato e migliorare così i conti del bilancio societario.


Leggi anche:


Sponsor Milan, quanto si ricava con la maglia

Con la firma siglata con wefox, il Milan completa la compagine degli sponsor sulla propria maglia. Il 10 agosto 2021 aveva già aggiunto BitMEX come primo Officiale Sleeve Partner di sempre. Il marchio della piattaforma di crypto derivati è ben visibile sulla manica delle divise della squadra.

Milan BitMEX
Zlatan Ibrahimovic, Fikayo Tomori, Alexis Saelemaekers e Rafael Leao (foto AC Milan BitMEX)

L’accordo con BitMEX porta nelle casse rossonere circa 5 milioni annui. Nel computo generale dei ricavi da sponsor sulla maglia vanno poi considerate, ovviamente, anche le altre importanti partnership.

Come evidenziato da calcioefinanza.it, nell’ultimo bilancio 2020/2021 è emerso che il Milan ha incassato 13,1 milioni dallo sponsor tecnico Puma e altri 14,2 milioni da Emirates. In totale, con le sponsorizzazioni legate alla divisa sono quasi 40 i milioni ricavati dal club.

Ma l’amministratore delegato Ivan Gazidis e il chief revenue officer Casper Stylvig lavorano per aumentare gli introiti. Ci sono già contatti con Puma ed Emirates per trattare i rinnovi di contratto a cifre superiori alle attuali. Trapela fiducia sul raggiungimento dell’accordo. Entrambe le partnership scadono a giugno 2023, c’è tempo per raggiungere un’intesa soddisfacente.