Milan, che fine ha fatto Muntari: 10 anni fa il gol fantasma alla Juve

Anniversario dello storico Milan-Juventus che decise il campionato 2011-2012, con la rete di Muntari incredibilmente non assegnata.

25 febbraio 2012. Si gioca a San Siro lo scontro diretto che vale l’intero campionato 2011-12. Il Milan ospita la Juventus in un duello molto affascinante, che cambierà in qualche modo i destini della Serie A anche in proiezione futura.

Muntari
Sulley Muntari oggi

Sul punteggio di 1-0 per i rossoneri (primi in classifica) grazie al gol di Nocerino, accade un episodio clamoroso. Corner per il Milan, Mexes stacca di testa e Buffon compie un miracolo. Sulla ribattuta si avventa il ghanese Sulley Muntari che tocca da pochi passi e segna il gol del raddoppio. Per tutti tranne che per l’arbitro Tagliavento ed i suoi assistenti.

La sfera ha nettamente varcato la linea di porta juventina, ma la terna arbitrale fa proseguire il gioco poiché sicura che Buffon abbia respinto il colpo di Muntari in tempo. Una decisione sconfortante: la gara finì 1-1 in virtù del pareggio di Matri e la Juve da quella sera cominciò la sua rimonta Scudetto.


Leggi anche:


Muntari dieci anni dopo: ritorno al calcio giocato in patria

Il gol fantasma di Muntari è entrato nell’immaginario collettivo come un episodio spartiacque, denunciato ancora oggi da molti milanisti come un ‘furto’ evidente. Oggi sono dieci anni esatti da quell’incontro tanto discusso. Ma la domanda è un’altra: che fine ha fatto Sulley Ali Muntari?

Dopo una carriera prestigiosa, tra Udinese, Inter e Milan, il centrocampista ghanese classe 1984 aveva deciso di chiudere col calcio giocato. La sua ultima esperienza professionale risaliva al 2019, quando ha militato per sei mesi tra gli spagnoli dell’Albacete.

Il suo futuro sembrava destinato alla sua grande passione, le macchine sportive e di lusso. Non a caso a Milano ha tenuto per molto tempo una sorta di autosalone personale. Ma la voglia di giocare e di competere ancora lo ha portato ad un clamoroso ed inaspettato ritorno.

Muntari da inizio febbraio è stato tesserato in Ghana, dagli Hearts of Oak. Si tratta della squadra della capitale Accra, che ha accolto come una superstar il centrocampista ex Milan. L’impatto di Muntari è stato subito ottimale, dimostrando una grande condizione fisica e non avendo perso le sue doti da mediano tuttofare.

Non a caso il suo amico Richard Kingson, preparatore dei portieri della Nazionale ghanese, ha parlato di una possibile convocazione di Muntari alla veneranda età di 37 anni: “Il suo ritorno è un bel segnale per il nostro calcio. Non ha ancora una condizione perfetta, ma non possiamo escludere che torni in Nazionale a breve”.

Una seconda giovinezza per Muntari, che dieci anni dopo l’episodio più scottante della sua carriera vuole lanciarsi in una nuova sfida. Ovvero riportare il Ghana a giocare i Mondiali del 2022. Magari essendo protagonista nel doppio spareggio playoff contro la Nigeria di marzo.