L’Inter è pazza di Stefano Sensi, autore ieri del gol vittoria contro l’Udinese. E pensare che il Milan lo ha avuto in pugno per settimane.

sensi inter udinese
Stefano Sensi (©Getty Images)

L’Inter ha già un nuovo idolo tutto italiano: è Stefano Sensi, centrocampista giunto in nerazzurro senza troppi clamori che però si è già preso la scena ed i riflettori.

Il calciatore ex Sassuolo è l’uomo in più dei nerazzurri di Antonio Conte in questo avvio di stagione: due reti importanti e bellissime contro Lecce e Udinese, una maglia da titolare conquistata con merito e soprattutto quelle qualità tecniche individuali che mancavano fortemente al reparto mediano interista.

Inter-Udinese 1-0: gol e highlights della partita – VIDEO

Calciomercato Milan, quando Sensi era vicinissimo ai rossoneri

L’acquisto di Sensi per l’Inter dunque, ad oggi, sembra essere l’operazione più azzeccata dell’estate. Forse anche più del colpaccio Romelu Lukaku, bomber arrivato dal Manchester United per una cifra vicina ai 70 milioni di euro.

Bravi i nerazzurri ad ottenere il sì immediato di Sensi e del Sassuolo: il blitz di Giuseppe Marotta nel mese di luglio ha convinto le parti in causa, anche grazie all’inserimento di alcune contropartite tecniche giovani e di prospettiva.

Eppure, come scrive anche Calciomercato.com, era stato il Milan inizialmente ad avvicinarsi a Sensi: un pressing iniziato già a gennaio scorso e che si sarebbe potuto concludere in estate in senso positivo.

Sensi avrebbe detto sì al Milan senza troppi affanni, ma la proposta di Paolo Maldini non ha mai convinto il Sassuolo: un prestito biennale oneroso senza però la certezza di un riscatto definitivo. Per tale motivo l’affare si è pian piano arenato e ciò ha favorito l’inserimento dell’Inter.

I rossoneri si sono consolati virando su Ismael Bennacer, calciatore con qualità simili e miglior talento della Coppa d’Africa 2019. Sarà un bel duello tra brevilinei nel derby di sabato prossimo, con il Milan che spera di aver puntato sul cavallo giusto senza rimpianti.

Biglia-Bennacer, duello per la regia del Milan