Come cambia il Milan con Ibrahimovic: dal nuovo Nocerino a Piatek

Come cambia il Milan con Ibrahimovic: da Bonaventura “nuovo” Nocerino a Piatek

ibrahimovic ac milan
Zlatan Ibrahimovic (©Getty Images)

Zlatan Ibrahimovic è l’obiettivo numero uno del calciomercato del Milan. I rossoneri sono in attesa della decisione definitiva dello svedese, che dovrebbe, ormai, arrivare a breve. Il club solo in caso di fumata nera deciderà di virare su altri profili: il Milan, come più volte raccontato, è in pole per il campione svedese ma il Napoli sta provando il sorpasso sul rettilineo finale anche grazie a Gennaro Gattuso.

Con Ibrahimovic in squadra il Milan sarebbe pronto a cambiare volto. A festeggiare il suo sbarco a Milanello non sarebbero solamente i tifosi, desiderosi di riabbracciarlo, e la società ma anche diversi calciatori.

IBRAHIMOVIC, DUE RICHIESTE AL MILAN

Bonaventura come Nocerino

In primis Jack Bonaventura. Il centrocampista, tornato ai suoi livelli dopo il calvario dell’infortunio, potrebbe essere quello che fu Nocerino nella stagione 2011/2012, quando realizzò ben 10 gol in campionato, la maggior parte dei quali grazie proprio agli assist Ibra. La capacità negli inserimenti di Bonaventura, con l’abilità dello svedese di fare sponda andrebbero a nozze. Jack, che ha nelle corde già un buon numero di reti a stagione, potrebbe migliorare ancor di più la sua media realizzativa in questo modo. Può giocare da trequartista in un ipotetico 4-3-1-2, mezzala nel 4-3-3 (come sta facendo adesso e dove si trova meglio).

Anche Krunic, che ha dimostrato ad Empoli di saper segnare, potrebbe trarne giovamento da queste situazioni. Il Bosniaco, infatti, che è un giocatore più di quantità che di qualità, ha comunque degli ottimi piedi e dei buonissimi tempi di inserimento. Con Ibra in mezzo ad attirare l’attenzione su di sé e con le incursioni delle mezzali, il Milan potrebbe finalmente “variare” maggiormente la natura dei gol. Che oggi arrivano solo da pochi giocatori.

NAPOLI-KESSIE, PRIMI CONTATTI: LA POSIZIONE DEL CLUB ROSSONERO

Terzini Top e incognita attacco

Theo Hernandez è certamente l’uomo del momento in casa Milan. Le sue prestazioni sempre al top soprattutto in fase offensiva lo hanno reso un imprescindibile per la squadra di Stefano Pioli. Il bottino di quattro gol non è certo da difensore ma con Ibra potrebbero arrivare anche altri bonus, quelli degli assist. Con lo svedese aumenterebbero i centimetri in area di rigore, che darebbero un senso ai tanti cross anche di Andrea Conti, che arriva spesso sul fondo.

Se dovesse arrivare Zlatan Ibrahimovic uno tra Suso e Piatek potrebbe essere davvero di troppo nell’undici iniziale. Nella sua carriera lo svedese ha dato dimostrazione di poter giocare con una punta di fianco ma forse si sposerebbe di più con le caratteristiche di Leao, più abile nel muoversi del polacco. La convivenza delle due punte è dunque possibile ma Pioli, al momento non sembra essere indirizzato ad abbandonare il 4-3-3 ma con l’arrivo di Ibra tutto potrebbe cambiare. A farne le spese con un cambio di modulo potrebbe essere Suso che fatica a mostrare le sue qualità in una squadra schierata differentemente dal 4-3-3.

IBRAHIMOVIC TEMPOREGGIA: MILAN SU MANDZUKIC