Milanisti a Euro 2020: Donnarumma sì, Romagnoli forse

Da Romagnoli fino a Bonaventura: gli italiani rossoneri che sperano in una convocazione di Mancini per Euro 2020. 

Italia
La Nazionale italiana (Getty Images)

Sei mesi all’avvio della fase finale di EURO 2020. Per la prima volta nella storia sarà un torneo itinerante: niente sede fissa, ogni girone avrà due città in cui giocare. Si comincia allo Stadio Olimpico di Roma.

L’Italia vuole approcciarsi al meglio a questo Europeo. Sa di avere una Nazionale finalmente competitiva e Roberto Mancini ha già le idee chiare su chi puntare.

Il gruppo che parteciperà alla competizione è già formato. Il commissario tecnico ha davvero pochi dubbi. C’è chi in Serie A vuole provare a complicargli la vita e fra questi ci sono anche alcuni milanisti.

Solo Donnarumma sicuro del posto

donnarumma gigio
Gigio Donnarumma (©Getty Images)

Un solo italiano in casa Milan è sicuro del posto. Gianluigi Donnarumma è stato battezzato da Mancini come suo portiere di riferimento. Le ultime prove in azzurro del classe ’99 hanno determinato le gerarchie.

Gli altri azzurri della rosa milanista sono ancora in ballo, ma dovranno conquistarsi il posto. Il capitano Alessio Romagnoli dovrà dimostrare di meritarlo: il classe ’95 rischia, scavalcato nelle gerarchie da Francesco Acerbi e ancora in ballottaggio con altri difensori di talento come Izzo (Torino), Mancini (Roma) e Cistana (Brescia).

Sperano di rientrare in corsa anche Andrea Conti e Giacomo Bonaventura. Entrambi rientrati da lunghi periodi di stop, possono rappresentare alternative valide nei rispettivi ruoli.

Nessuna speranza per Calabria

Davide Calabria
Davide Calabria (©Getty Images)

Conti può insidiare il napoletano Di Lorenzo come terzino destro, visto che Mancini lo ha spesso citato come un’opzione da tenere in considerazione. ‘Jack‘ invece punta su duttilità ed esperienza: una mezzala che sa giocare anche da esterno alto o trequartista può tornare utile sempre.

Molto scarse le chance per Davide Calabria e Mattia Caldara. Il primo ha perso il posto da titolare nel Milan e difficilmente avrà visibilità necessaria. Il secondo non è ancora pronto dopo l’infortunio al ginocchio e parte svantaggiato contro altri difensori centrali più affidabili.

Tutti i milanisti citati però chiedono una sola cosa: spazio nel Milan, da oggi a maggio prossimo, per potersi costruire una chance di partecipare alla fase finale di EURO 2020.