Thauvin al Milan, dove giocherebbe nel modulo di Pioli

Florian Thauvin potrebbe essere il primo colpo del Milan per il 2021-2022. Ecco dove giocherebbe nel modulo rossonero.

Thauvin ruolo Milan
Florian Thauvin (©Getty Images)

I media italiani e francesi sono ormai sicuri. Florian Thauvin indosserà la maglia del Milan, in vista della stagione 2021-2022.

Conferme giunte sia dalle parti di Marsiglia, dove l’attaccante classe ’93 gioca da anni, sia dalle parole di Paolo Maldini. Il direttore dell’area tecnica ha ammesso giorni addietro di stimare molto Thauvin.

Un vero colpaccio per il Milan se fosse tutto confermato. Perché Thauvin arriverebbe a costo zero, dopo la scadenza con l’OM, e andrebbe a rimpolpare in maniera degna l’attacco a disposizione di Stefano Pioli.

Leggi anche:

Thauvin al Milan: può giocare in tre ruoli diversi

La domanda ora è di ordine tattico. Dove potrà essere schierato Thauvin all’interno della formazione tipo del Milan?

In realtà è un falso problema, visto che l’attaccante francese è calciatore molto dinamico, abile a destreggiarsi in almeno tre ruoli differenti.

Mister Pioli nel suo 4-2-3-1, a meno che non cambi tipo di schieramento, potrebbe prendere in considerazione il 27enne francese come ala destra tipica. Thauvin ama partire dalla fascia per poi accentrarsi e far valere il suo raffinato piede mancino.

In pratica sarebbe l’alternativa all’attuale titolare Alexis Saelemaekers, con la differenza che il belga è esterno più di equilibrio e copertura, mentre Thauvin sembra avere la fase offensiva maggiormente nelle proprie corde.

In passato Thauvin ha giocato anche da trequartista puro, vista la capacità di muoversi tra le linee. Pioli potrebbe valutarne l’utilizzo anche al posto di Calhanoglu, soprattutto se il futuro del turco sarà lontano da Milanello per le note vicende contrattuali.

Infine è ipotizzabile, anche se meno probabile, che il classe ’93 possa essere provato come attaccante puro, una sorta di ‘falso 9‘ sulla falsa riga di Dries Mertens nel Napoli. Anche se la presenza di Ibrahimovic e Rebic rendono questa opzione la meno efficace sulla carta.