Milan, 18 milioni per il vice Ibra | Maldini molla l’affare

Una richiesta altissima per l’attaccante in scadenza di contratto a giugno. Il Milan non è convinto di questa operazione e non la farà. 

Milik Milan
Paolo Maldini (foto acmilan.com)

Il Milan riflette su un possibile acquisto in attacco. L’assenza in queste settimane di Ibrahimovic si è fatta sentire, soprattutto contro il Parma. I risultati son rimasti ottimi, ma c’è la sensazione che con lo svedese in campo qualcosa sarebbe andato diversamente. Ante Rebic ci mette sempre tutto quello che ha, ma non è quello il suo ruolo ed è evidente.,

Da settimane ormai vi parliamo del vice Ibrahimovic, un’opzione che Maldini e Massara tengono in considerazione, ma non come una priorità. Infatti sembra che la società voglia prima di tutto prendere il nuovo difensore centrale: l’infortunio di Matteo Gabbia è il segnale definitivo che serve un altro uomo in quel ruolo. Kabak è l’obiettivo numero uno, ma non mancano le alternative. I tifosi sui social però sono convinti che a questo Milan servirebbe anche un’altra punta, magari con Lorenzo Colombo via in prestito alla Pobega.


Leggi anche:


Calciomercato Milan, colpo Milik: richiesta altissima

Milik Milan
Arkadiusz Milik (©Getty Images)

Uno dei nomi che più piace ai sostenitori rossoneri è Arkadiusz Milik, in scadenza di contratto col Napoli a giugno 2021 e fuori rosa ormai da mesi. Un colpo a tutti gli effetti, visto che si tratta di un calciatore che: conosce la Serie A, ha sempre fatto gol ed è perfetto per il gioco del Milan. C’è un problema, però: De Laurentiis è un osso duro ed è pronto a fare una richiesta assurda per cedere il polacco a gennaio.

18 milioni di euro è la proposta del Napoli per lasciar partire Milik. Una cifra inadeguata visto che il calciatore è fermo da mesi, è in scadenza di contratto ed è fuori rosa. A queste cifre l’operazione non si farà. Con il Milan e né con altre società interessate al calciatore: nessuno lo comprerebbe per 18 milioni quando a breve si libererà a zero. Probabilmente questa è una mossa di De Laurentiis per ingabbiare il calciatore – che è in “guerra” col Napoli – e tenerlo fermo per tutto l’anno, anche a costo di perderlo da svincolato.