Simakan infortunato, il Milan stringe per Tomori: contatti già avviati

Simakan out per due mesi, il Milan cambia obiettivo? Già avviati i contatti con Tomori, che può partire in prestito

Tomori Milan
Tomori (©Getty Images)

Una brutta notizia è arrivata proprio in questi minuti in chiave calciomercato. Mohamed Simakan, primo obiettivo per la difesa, è si è infortunato e resterà fuori dai campi per due mesi. Lo ha comunicato, tramite una nota ufficiale, lo Strasburgo sul proprio sito. E adesso il Milan deve riflettere e capire cosa fare. Non è da escludere che Maldini lo prenda lo stesso: rientrerebbe per marzo e potrebbe comunque tornare utile per la volata finale di campionato, anche se ci sono anche altri aspetti da valutare, come l’ambientamento e il recupero dall’infortunio.

La stessa riflessione tocca anche al Lipsia, che però era già disposto ad acquistarlo e lasciarlo in prestito in Francia, ma è chiaro che il club farà comunque delle valutazioni. Ma torniamo al Milan, che ha comunque la forte necessità di comprare un difensore: chi diventerà il nuovo obiettivo? Un nome caldo, fatto da ieri da Gianluca Di Marzio e Fabrizio Romano, è quello di Fikayo Tomori, difensore classe 1997 del Chelsea. Frank Lampard ha già aperto totalmente al prestito del calciatore perché in Blues non trova spazio.


Leggi anche:


Tomori prima alternativa a Simakan

C’è da capire però se il Milan è disposto o meno ad acquistarlo in prestito. O se, invece, riuscirà ad inserire un’opzione per acquistarlo a titolo definitivo, in estate o fra un anno. Insomma, sono ore di riflessione in casa Milan per quanto riguarda la questione. Ci sono anche altri nomi sul taccuino di Maldini e Massara: non è mai uscito fuori dai riflettori Ozan Kabak, ma piacciono anche altri profili in Francia. Tomori però potrebbe scalare le gerarchie e diventare l’obiettivo numero uno. Prima però c’è da capire se il Milan rinuncerà definitivamente a Simakan, che era il preferito della società rossonera.

Intanto la virata su Tomori è stata confermata ancora da Fabrizio Romano: