Ibrahimovic risponde alle critiche su Sanremo: “Farò 8 gol”

Ibrahimovic certo che prendere parte a Sanremo 2021 non lo condizionerà negativamente. L’attaccante del Milan è molto sicuro di sé stesso.

Ibrahimovic Milan
Zlatan Ibrahimovic (©Getty Images)

Non mancano le critiche per la partecipazione di Zlatan Ibrahimovic al Festival di Sanremo 2021. Infatti, il centravanti del Milan sarà presente a quattro serate su cinque sul palco del Teatro Ariston.

Questa situazione prevede che per tre giorni debba allenarsi in Riviera e non a Milanello, anche mercoledì 3 marzo in cui si gioca Milan-Udinese sarà regolarmente in Lombardia. Ci sono ex allenatori rossoneri come Arrigo Sacchi e Fabio Capello che hanno criticato molto sia il giocatore che il club per questa vicenda, che loro non avrebbero mai accettato.


Leggi anche:


Ibrahimovic a Sanremo, la replica alle critiche

Il quotidiano La Repubblica oggi scrive che Ibrahimovic ironicamente risponde “Tranquilli, faccio otto gol” a chi gli chiede delle osservazioni negative di coloro che non condividono la sua partecipazione al Festival di Sanremo 2021 nella modalità prevista.

Zlatan aveva preso l’accordo con Amadeus e l’organizzazione dell’evento musicale italiano prima di rinnovare il contratto con il Milan. Forse era complicato rivedere l’intesa presa o magari il giocatore non ha voluto cambiare quanto concordato, poiché convinto che prendere parte a Sanremo 2021 non condizionerà affatto il suo rendimento.

Ad ogni modo, Stefano Pioli si è detto tranquillo e pensa che Ibra saprà gestire tutto al meglio riuscendo a garantire il solito apporto in campo. Certamente il club non è felice del fatto che l’attaccante svedese stia lontano da Milanello per tre giorni, però è una situazione che ha deciso di accettare nel momento in cui è stato rinnovato il contratto.

Intanto per Milan-Stella Rossa di Europa League è previsto che Ibrahimovic vada in panchina. Una scelta dettata dalla necessità di farlo riposare in vista del big match di domenica contro la Roma. La squadra ha bisogno di averlo al meglio della condizione fisica per espugnare un campo difficile come quello dello stadio Olimpico.