James Rodriguez al Milan, Mendes ci prova | Decisiva una condizione

L’Everton vuole vendere James Rodriguez e l’agente Jorge Mendes ha parlato con Maldini. Il Milan riflette su questa operazione per la trequarti.

James Rodriguez
James Rodriguez (©Getty Images)

C’è anche James Rodriguez tra i trequartisti ancora accostati al Milan in questa sessione di calciomercato. Si tratta di un profilo che affascina non poco, visto il suo passato, ma che non convince tutti.

Oltre al discorso economico, c’è chi non lo ritiene in grado di fare la differenza con la costanza che invece serve alla squadra rossonera. Inoltre, a Stefano Pioli serve un fantasista bravo anche ad aiutare nella fase difensiva e il colombiano non è uno granché portato al sacrificio. Il meglio lo dà dalla metà campo in su.


Leggi anche:


Calciomercato Milan, affare James Rodriguez: problema ingaggio

In questi giorni James Rodriguez ha fatto intendere pubblicamente che sarebbe gradito un trasferimento in Italia, un Paese europeo nel quale non ha mai giocato. Ha già militato in Portogallo, Francia, Spagna, Germania e Inghilterra. Gli manca la Serie A.

Il suo agente Jorge Mendes ha già proposto il giocatore a Paolo Maldini e Frederic Massara. L’ostacolo economico dell’operazione è rappresentato dall’ingaggio del trequartista colombiano, che all’Everton percepisce circa 7 milioni di euro netti a stagione. Il quotidiano Tuttosport spiega che il Milan al massimo può arrivare a 4 milioni annui. Serve uno sforzo economico da parte dell’ex Real Madrid per favorire un eventuale trasferimento in maglia rossonera.

Dall’Everton c’è la disponibilità a vendere, dato che il nuovo allenatore Rafael Benitez non ritiene James Rodriguez fondamentale nel suo progetto tecnico-tattico. Da escludere, salvo colpi di scena, che in una eventuale trattativa possa rientrare Rafael Leao. Vero che al club di Liverpool piace l’attaccante portoghese, ma dal Milan è trapelata la volontà di non cederlo. L’ex di Sporting Lisbona e Lille rimarrà alla corte di mister Pioli anche nella stagione 2021/2022. Solo un’offerta shock potrebbe mutare lo scenario.