Hauge saluta il Milan: “Avrei voluto giocare in un San Siro pieno”

Jens Petter Hauge è ormai un nuovo giocatore dell’Eintracht Francoforte. Il giovane norvegese ha salutato i tifosi e tutto l’ambiente Milan attraverso un post sui social. Parole importanti le sue!

Post Jens Petter Hauge
Post Jens Petter Hauge (Instagram)

Stamattina è arrivata la nota ufficiale da parte del Milan che comunica il trasferimento di Jens Petter Hauge all’Eintracht Francoforte. Il giovane norvegese ripartirà dalla Bundesliga, un palcoscenico che gli permetterà molto probabilmente di avere più spazio sul campo e che gli garantirà una sicura crescita. In rossonero, Jens Petter ha riscontrato qualche difficoltà soprattutto in termini di continuità, dato che Stefano Pioli lo ha spesso recluso ai margini della panchina. Molti tifosi sono stati contrari alla cessione del classe 1999, dato che nelle sue prime apparizioni al Milan aveva fatto vedere grandi cose; giocate e gol da fuori classe.

Ma la dirigenza rossonera, in accordo col tecnico parmense, hanno reputato il norvegese non adatto ai piani tecnici della società. E quindi Hauge ha rappresentato il sacrificato di lusso per far cassa e reinvestire sul mercato. L’ex Bodo Glimt, acquistato dal Milan nella passata stagione per una cifra vicina ai 5 milioni di euro, è stato ceduto all’Eintracht in prestito con obbligo di riscatto condizionato ad alcuni obiettivi e fissato a 12 milioni di euro. 

Jens Petter Hauge, nonostante le poche presenze, ha sempre dichiarato di sentirsi onorato di stare al Milan e di essere stato accolto molto bene. Un pensiero che ha riconfermato nel messaggio di addio al popolo rossonero. Qualche minuto fa il giovane norvegese ha voluto salutare i tifosi milanisti e tutto l’ambiente legato al Milan con un messaggio sui social. Molto belle e toccanti le sue parole.


Leggi anche:


Hauge: “Volevo giocare in un San Siro pieno, ma sarà un’altra volta”

Di seguito il messaggio pubblicato da Jens Petter Hauge su Instagram:

Ciao a tutti rossoneri
Vorrei ringraziare tutte le persone che ho avuto modo di conoscere durante il mio soggiorno a Milano. Dal primo giorno mi hanno trattato come uno di loro.
Sono così orgoglioso di aver giocato con la maglia rossonera.
Ho conosciuto tante persone fantastiche e persone che rimarranno miei amici anche se non giocherò più a Milano.
Poi vorrei ringraziare i tifosi, avete significato tanto per me. Mi avete supportato fino in fondo e lo apprezzo davvero.
Volevo davvero giocare per voi in un San Siro pieno, ma sarà un’altra volta.
Grazie ancora per tutti i messaggi e ho letto più di quanto pensate”.