Milan, da Krunic a Bennacer: il punto sul centrocampo in Nazionale

Confermate le buone notizie per Krunic, pronto a rientrare martedì. Nel frattempo Bennacer mette minuti nelle gambe. Oggi pomeriggio tocca a Sandro Tonali

Ismael Bennacer
Ismael Bennacer (© Getty Images)

Il prossimo weekend non ci sarà Serie A. I club hanno lasciato spazio alle Nazionali, con i tecnici chiamati a lavorare con rose decimate. Stefano Pioli a Milanello ha un importante gruppo, con diversi calciatori rimasti al centro sportivo per allenarsi.

La notizia che fa felici i tifosi, come raccontato, è il ritorno in campo di Zlatan Ibrahimovic, che potrà dare, finalmente, una mano ai rossoneri in un mese ricco di impegni. Chi rischia di non esserci è, invece, Olivier Giroud, risultato ieri positivo al Covid-19. Sta bene ma chiaramente è in isolamento.

La speranza è che si negativizzi il prima possibile , così da poter tornare a disposizione il prima possibile. E’ impossibile, però, sapere quando ciò avverrà. In casa Milan si incrociano le dita.


Leggi anche:


Sorride Krunic

Nel frattempo dalla Bosnia, dopo le preoccupazioni di mercoledì, sono arrivate le rassicurazioni sulle condizioni di Krunic. Anche Tuttosport, conferma, che non c’è alcun allarme e che martedì, contro il Kazakistan, è pronto a scendere in campo.

Ieri è sceso in campo Ismael Bennacer nell’8 a 0, della sua Algeria, contro il Gibuti. Il centrocampista ha messo altri minuti importanti nelle gambe, dopo la guarigione dal Covid, giocando un tempo. Ha lasciato il terreno di gioco a risultato acquisito ed è pronto a giocare nuovamente martedì, prima di far ritorno a Milano.

Bennacer e Krunic saranno dunque due delle alternative che avrà Stefano Pioli a centrocampo, insieme a Sandro Tonali. Anche l’italiano è impegnato con le Nazionali: l’ex Brescia è pronto a guidare l’Under21 contro il Lussemburgo, oggi alle 17.30.

A Milanello sono rimasti Bakayoko, che ha lavorato fin da subito, con il resto del gruppo, e Franck Kessie, che sta ancora lavorando a parte, per recuperare dall’infortunio, che lo ha fermato ad agosto.