Romagnoli, nessuna trattativa per il rinnovo: “Vuole uno stipendio molto alto”

Romagnoli e il Milan ancora insieme dopo giugno 2022? Improbabile. L’ex Roma vuole tanti soldi e non c’è una trattativa per il rinnovo adesso.

Romagnoli Alessio
Alessio Romagnoli (©Getty Images)

Oltre a Franck Kessie, il Milan rischia di perdere a parametro zero anche Alessio Romagnoli. Anzi, l’addio del capitano rossonero sembra abbastanza certo rispetto a quello dell’ivoriano.

Non risultano discorsi intavolati per il rinnovo del contratto in scadenza nel giugno 2022. I rapporti con l’agente Mino Raiola non sono idilliaci, come si è capito anche dalla partenza di Gianluigi Donnarumma. Al club rossonero non dispiacerebbe tenere il difensore, ma per farlo sarebbe necessario offrire cifre che non vengono ritenute congrue.


Leggi anche:


Romagnoli alla Lazio? Il pensiero di Pellegatti

Nella giornata di ieri il quotidiano La Repubblica ha rivelato che Romagnoli dovrebbe trasferirsi a parametro zero alla Lazio, squadra di cui è tifoso. Un’indiscrezione che, al momento, non trova ancora conferme da parte di altre fonti.

Carlo Pellegatti in uno dei suoi consueti video sul suo canale ufficiale YouTube ha così commentato la voce circolata: «Voglio capire se il giocatore ridimensiona le sue richieste economiche, altrimenti la Lazio dovrebbe corrispondergli una cifra sui 5,5-6 milioni. Non so se sono parametri che la Lazio possa sopportare facilmente. Il calciatore vuole quella cifra per l’ultimo o penultimo contratto importante della sua vita professionale».

Romagnoli per tornare a Roma e vestire la maglia biancoceleste dovrebbe rivedere le proprie pretese economiche. Pellegatti spiega che finora è trapelata sua volontà di avere uno stipendio da 5,5-6 milioni di euro annui. Improbabile che Claudio Lotito accetti di corrispondergli un tale ingaggio, i parametri del club capitolino sono differenti. Il più pagato è Ciro Immobile, che prende 4 milioni netti a stagione. La Lazio non va oltre questa cifra.

Ci sentiamo di dire che non bisogna neppure sottovalutare la Juventus come possibile soluzione per il futuro di Romagnoli. La società bianconera ha ottimi rapporti con Raiola e ha Giorgio Chiellini che nel 2022 avrà 38 anni, mentre Leonardo Bonucci ne compirà 35. Nell’ottica di un ringiovanimento della difesa, non sorprenderebbe un ingaggio a parametro zero del centrale del Milan. Senza scordare le eventuali piste estere che possono spuntare.