Home Non Solo Milan Balotelli: “Ho accusato chi ha fatto i cori, non tutti i veronesi”

Balotelli: “Ho accusato chi ha fatto i cori, non tutti i veronesi”

Prime dichiarazioni di Mario Balotelli dopo gli insulti razzisti ricevuti in Verona-Brescia domenica scorsa.

balotelli ultras verona
Mario Balotelli (©Getty Images)

L’episodio di razzismo di cui è stato vittima Mario Balotelli nel corso di Verona-Brescia, sta facendo discutere molto. Il video dell’attaccante ha fatto il giro del mondo in poche ore. E purtroppo in Italia si continua a minimizzare questa terribile piaga.

La curva del Bentegodi non è nuova a situazioni simili: era già successo a Franck Kessie in Hellas-Milan di inizio settembre. Esattamente come in quel caso, la società Verona (con le parole dell’allenatore Juric e del presidente Setti) ha difeso i propri tifosi.

Oggi sono arrivate le prime dichiarazioni ufficiali di Balotelli ai microfoni de Le Iene. L’attaccante italiano – nell’estratto pubblicato dall’ANSA – ha rilasciato queste dichiarazioni: “Non ho accusato il Verona, non ho accusato la Curva del Verona. Ho accusato pochi scemi che hanno fatto i cori e li ho sentiti. Ho accusato quei coglioni e basta. Di sicuro non erano due o tre perché li ho sentiti dal campo”.

Continua Balotelli, con riferimento specifico ai tifosi veronesi: “Dico la verità: lo stadio del Verona e i tifosi del Verona mi stanno anche simpatici con i loro sfottó. Ma se vuoi distrarre un giocatore, lo puoi fare in mille modi ma non così. Così non va bene. Così non ci siamo”.

Buone notizie da Milanello: Suso si è allenato

Verona, interdetto fino al 2030 il capo ultrà per gli insulti a Balotelli

E Balotelli non ha commentato le parole riferite ieri dal capo ultrà del Verona, Luca Castellini: “Saranno stati in massimo dieci. La nostra curva prende in giro chiunque, senza fare distinzione di razza o altro. Ha la cittadinanza italiana ma non potrà mai essere del tutto italiano”.

E proprio per queste sue parole, l’Hellas Verona, con una nota, ha comunicato di aver preso provvedimenti nei suoi confronti: fuori dallo stadio ed escluso dalle attività legate alla società fino al 30 giugno 2030.

Nel dettaglio, questo il comunicato dell’Hellas Verona contro il capo ultrà: “Hellas Verona FC comunica di aver adottato nei confronti del Signor Luca Castellini una misura interdittiva che, proporzionata alla gravità dei fatti, alla luce di quanto previsto dagli art. 6 e 7 del Codice Comportamentale, essendosi trattato di un comportamento basato su considerazioni ed espressioni gravemente contrarie a quelle che contraddistinguono i principi etici ed i valori del nostro Club, prevede la sospensione di gradimento nei confronti del Signor Luca Castellini da parte di Hellas Verona FC sino al 30 giugno 2030″.

VAR, fissato incontro tra arbitri e calciatori: i dettagli