Rinnovo Donnarumma, sensazioni positive | Fumata bianca in arrivo

Le ultime news sul rinnovo di Donnarumma. Il Milan è ottimista e la fumata bianca potrebbe arrivare nelle prossime settimane. 

rinnovo donnarumma
Gigio Donnarumma (©Getty Images)

Il Milan si gode il momento magico, ma intanto si lavora anche per il futuro. Paolo Maldini e Frederic Massara infatti, come ha rivelato anche Ivan Gazidis di recente, stanno pensando alle prossime mosse di Calciomercato. Sicuramente la posizione in classifica della squadra a gennaio influenzerà e non poco le scelte della dirigenza.

Intanto però ci sono due casi spinosi da risolvere nel più breve tempo possibile. Si tratta dei rinnovo di contratto di Gianluigi Donnarumma e Hakan Calhanoglu. Sul turco si sono diffuse indiscrezioni in Germania per un suo possibile passaggio al Manchester United a parametro zero: il Milan deve assolutamente evitarlo. Per quanto riguarda il portiere napoletano, invece, le sensazioni sono positive.

MILAN-LILLE, LE PROBABILI FORMAZIONI

Donnarumma verso il rinnovo

Mino Raiola è stato a Milano nei giorni scorsi e probabilmente ha avuto modo di parlare con Maldini e Massara di questa situazione. Da parte del procuratore c’è apertura, ma la trattativa non è mai semplice. Il Milan fa leva sulla volontà del calciatore che ha sempre affermato di voler continuare con i rossoneri.

Stando a quanto riportato dal Corriere dello Sport, il rinnovo di Donnarumma potrebbe arrivare nelle prossime settimane. C’è infatti ottimismo in merito, ed è per questo che la firma e l’annuncio ufficiale può arrivare in qualsiasi momento. In ogni caso la situazione resta delicata e da tenere d’occhio. Raiola non è nuovo a colpi di scena e tutto può ancora succedere.

Raiola sarà decisivo anche per altri due rinnovi: Alessio Romagnoli e Zlatan Ibrahimovic. Il capitano rossonero è in scadenza a giugno 2022, quindi c’è un po’ più di tempo per ragionarci, anche se il Milan vuole evitare una situazione come quella di Donnarumma. Per Ibrahimovic invece ci sono altre cose da valutare: a 39 anni ha dimostrato di poter tranquillamente ancora fare la differenza, ma sarà lui a fine anno a decidere se continuare o meno. Al momento sembrano esserci pochi dubbi.